GRAZIE, MICHAEL

Grazie, Michael. Grazie di tutto. Grazie anche se ieri non hai vinto, non sei andato sul podio, hai perso il mondiale piloti e non sei riuscito a farci vincere, insieme al pur bravissimo Felipe, il titolo costruttori. Ma quello che hai fatto per la Ferrari in questi 11 anni non ce lo scorderemo mai. Ricordo quando arrivasti, nel 1996. La squadra stava iniziando a riprendersi da una serie di stagioni totalmente negative. Anche quell’anno più di una delusione (ricordo un motore andato in fumo nel giro di ricognizione del gran premio di Francia), ma anche 3 vittorie, di cui una a Monza, con la gente in delirio. Dalla stagione successiva hai praticamente sempre lottato per il titolo: nel 1997 l’incidente a Jerez con Villeneuve, una delle poche macchie della tua carriera; nel 1998 il tamponamento a Coulthard in Belgio e poi il ritiro a Suzuka, titolo ad Hakkinen. Nel 1999 l’incidente di Silverstone, dove ti rompesti il piede, ed al rientro cercasti di aiutare Irvine a vincere il titolo, ma invano, anche se arrivò quello dei costruttori. Poi 5 anni di successi, trionfi, quasi solo gioie, delusioni pochissime. L’anno scorso una macchina nata male ti ha impedito di essere competitivo. Quest’anno hai lottato fino all’ultimo, prima della rottura in Giappone pareva fatta, la fortuna ti ha voltato le spalle nel momento cruciale. Ma forse ti aveva assistito fin troppo prima. Qualche errore in pista lo hai commesso, forse anche qualche scorrettezza, ma non hai mai dato la colpa agli altri se le cose andavano male, ed hai sempre condiviso con tutti i meriti delle tue vittorie. La formula 1 non sarà più la stessa senza di te, si ritira il pilota più forte, quello che ha vinto di più. Grazie di tutto, Michael. Ci mancherai. Ci manchi già adesso.

Krimi

Annunci

Informazioni su krimi77

Sempre con la valigia in mano, la passione è ciò che mi fa sentire viva.
Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

2 risposte a GRAZIE, MICHAEL

  1. Valentina (alias Engel) ha detto:

    Grazie Michael per quello che hai fatto!!
    La mia passione iniziò per puro caso… il 14 maggio 1994 durante le qualifiche del Gran Premio di Montecarlo. Mi sono detta: “Senna non c’è più… per chi tifo?! Vabbhé, il primo nome che sentirò, tiferò per sempre per lui!”. Come volevo che venisse pronunciato “MICHAEL SCHUMACHER”… stava facendo delle qualifiche fantastiche, come potevo non tifare per lui?! Così fu! Da allora è nata una vera passione per lui, passione e stima platoniche.
    Tifavo per lui, anche se era alla Benetton con Johnny Herbert, anche se avrei dovuto tifare per la Ferrari. Come scordarmi del fantastico Gran Premio del Belgio del 1995, in cui lui partì 16°, ma vinse la gara.
    Che gioia sapere che sarebbe andato alla Ferrari… beh, due piccioni con una fava!!
    Il primo gran premio vinto da Schumi in rosso fu quello di Barcellona. Poi ci furono Spa e Monza.
    Nel 1997 le cose sembravano andare decisamente meglio, ma forse una manovra poco imprudente da parte sua ha fatto svanire un sogno.
    Nel 1998 tutto è andato perduto a Suzuka… ahi, che dolore!!
    Nel 1999… beh, come faccio a dimenticare il gran premio di Siverstone? Schumi è stato l’unico uomo per cui ho pianto per un mese ogni notte… il motivo? Non poteva correre a causa dell’incidente!!
    Il 2000… il 2000… beh… STUPENDO!! Era l’8 ottobre 2000, io ero a Dublino, ma alla mattina chiamai mia madre per sapere che cosa facesse Schumi. Mi disse che per il momento era primo… dopo 10 minuti ci fu un terremoto a Dublino. La causa? La sottoscritta… saltellante per il primo titolo in rosso di Schumi!!
    E poi il 19 agosto 2001… secondo titolo in rosso per Schumi. Il 22 luglio 2002, il 26 ottobre 2003, il 29 agosto 2004… sono le date più belle!
    Come dimenticarsi della stagione 2002, quando i risultati peggiori di Schumi in quell’anno furono i terzi posti! Il 2003… vinto all’ultimo gran premio, dopo aver letteralmente sofferto (gran premio vinto da Barrichello). E pensare che prima del gran premio degli USA non pensavo che avesse potuto vincere di nuovo il titolo. Il 2004, il 2004… sette vittorie sulle prime sette gare!
    Insomma… l’uomo dei record! 7 mondiali, di cui 5 con la Ferrari, 91 vittorie, pole position, km in testa alle corse… è lui l’uomo dei record!!
    GRAZIE SCHUMI, GRAZIE DI TUTTO!!

  2. Valentina (alias Engel) ha detto:

    Grazie Michael per quello che hai fatto!!
    La mia passione iniziò per puro caso… il 14 maggio 1994 durante le qualifiche del Gran Premio di Montecarlo. Mi sono detta: “Senna non c’è più… per chi tifo?! Vabbhé, il primo nome che sentirò, tiferò per sempre per lui!”. Come volevo che venisse pronunciato “MICHAEL SCHUMACHER”… stava facendo delle qualifiche fantastiche, come potevo non tifare per lui?! Così fu! Da allora è nata una vera passione per lui, passione e stima platoniche.
    Tifavo per lui, anche se era alla Benetton con Johnny Herbert, anche se avrei dovuto tifare per la Ferrari. Come scordarmi del fantastico Gran Premio del Belgio del 1995, in cui lui partì 16°, ma vinse la gara.
    Che gioia sapere che sarebbe andato alla Ferrari… beh, due piccioni con una fava!!
    Il primo gran premio vinto da Schumi in rosso fu quello di Barcellona. Poi ci furono Spa e Monza.
    Nel 1997 le cose sembravano andare decisamente meglio, ma forse una manovra poco imprudente da parte sua ha fatto svanire un sogno.
    Nel 1998 tutto è andato perduto a Suzuka… ahi, che dolore!!
    Nel 1999… beh, come faccio a dimenticare il gran premio di Siverstone? Schumi è stato l’unico uomo per cui ho pianto per un mese ogni notte… il motivo? Non poteva correre a causa dell’incidente!!
    Il 2000… il 2000… beh… STUPENDO!! Era l’8 ottobre 2000, io ero a Dublino, ma alla mattina chiamai mia madre per sapere che cosa facesse Schumi. Mi disse che per il momento era primo… dopo 10 minuti ci fu un terremoto a Dublino. La causa? La sottoscritta… saltellante per il primo titolo in rosso di Schumi!!
    E poi il 19 agosto 2001… secondo titolo in rosso per Schumi. Il 22 luglio 2002, il 26 ottobre 2003, il 29 agosto 2004… sono le date più belle!
    Come dimenticarsi della stagione 2002, quando i risultati peggiori di Schumi in quell’anno furono i terzi posti! Il 2003… vinto all’ultimo gran premio, dopo aver letteralmente sofferto (gran premio vinto da Barrichello). E pensare che prima del gran premio degli USA non pensavo che avesse potuto vincere di nuovo il titolo. Il 2004, il 2004… sette vittorie sulle prime sette gare!
    Insomma… l’uomo dei record! 7 mondiali, di cui 5 con la Ferrari, 91 vittorie, pole position, km in testa alle corse… è lui l’uomo dei record!!
    GRAZIE SCHUMI, GRAZIE DI TUTTO!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...