GRRRRRRRRR………

Non devo più dire ai miei amici che va tutto bene. Puntualmente ogni volta mi attiro la sfortuna addosso. Per la prossima settimana avevo chiesto le ferie, compensative di quelle che mi ero fatte togliere perché non mi servivano più. La scorsa settimana domando alla persona che si occupa di fare gli orari se le risulta che siano confermate, e mi risponde di sì, quindi sono abbastanza tranquilla ed inizio a prendere qualche impegno. Poi ieri pomeriggio la collega mi telefona e mi dice che le ferie sono revocate. Logicamente mi arrabbio, ma cerco comunque di venirle incontro. Qui scatta il putiferio. Mi vengono passate al telefono altre 2 persone, direttirce compresa, che iniziano praticamente a riversarmi addosso le loro frustrazioni e mi dicono le peggio cose. In sintesi mi fanno capire che se vogliono mi schiacciano come un brufolo, ma soprattutto mi chiedono di scegliere tra lavoro ed università. IO NON LA ACCETTO LA PATERNALE DA PERSONE COSI’! Mi autodefinisco la regina delle scappatoie e riuscirò comunque a trovare una via d’uscita a questa situazione, però se c’è una cosa che pretendo sempre e comunque da tutti è il rispetto, che ieri da parte delle colleghe nei miei confronti è venuto meno. E’ gente di cui mi fidavo e che mi ha tradito accoltellandomi alle spalle, e questa cosa non mi va giù. Io sto riuscendo a districarmi benissimo tra lavoro, università, problemi familiari e valvole di sfogo (che comunque ci vogliono), ma nessuno deve mettermi i bastoni tra le ruote, altrimenti l’equilibrio che ho raggiunto si spezza. Loro pretendono che si sia sempre a loro completa ed esclusiva disposizione, ma devono capire che io non posso dirgli sempre di sì, e che questa è la mia vita e non voglio né tantomeno posso cambiarla. Non ho mai chiesto cose non permesse ed ho sempre fatto il possibile per dar loro una mano se ne avevano bisogno, più di questo che vogliono? Non sono la loro schiavetta personale. Ora dovrò valutare l’aria che tira. Se dovessi avvertire che la fiducia in me è venuta meno, o che qualcuno fa di tutto per rendermi la vita lavorativa impossibile, allora è meglio che  cambi aria. In fin dei conti 7 anni nello stesso posto sono parecchi, e chissà perché tanti, quando dico che lavoro da Mc Donald’s, mi dicono "Povera te". Ci sarà un motivo… Forse inizio a capirlo.

Krimi

Annunci

Informazioni su krimi77

Sempre con la valigia in mano, la passione è ciò che mi fa sentire viva.
Questa voce è stata pubblicata in Lavoro. Contrassegna il permalink.

4 risposte a GRRRRRRRRR………

  1. Ginevrengel ha detto:

    E’ meglio cambiare aria, finché sei in tempo! Quando iniziano a farti discorsi del genere è perché non vai più a genio loro oppure cercano qualcuno su cui riversare tutti i loro disagi. Ma che se lo pigliassero in quel posto!

  2. Ginevrengel ha detto:

    E’ meglio cambiare aria, finché sei in tempo! Quando iniziano a farti discorsi del genere è perché non vai più a genio loro oppure cercano qualcuno su cui riversare tutti i loro disagi. Ma che se lo pigliassero in quel posto!

  3. cinzia ha detto:

    Finalmente ti ho trovato….
    Cmq avevi omesso, dal racconto che mi avevi fatto, il dettaglio della telefonata…. Ti ricorda qualcosa? Che Patrizia non cambiera’ mai…
    Perfida era e rimarra’…
    Non so che consigliarti… E’ una persona radiattiva,fortemente schizofrenica (e lo sappiamo) che determina un’ atmosfera poco sana e per nulla affidabile intorno a lei.
    Il lavoro, inteso come retribuzione, è importante, ma a volte bisogna volgere lo sguardo al lavoro inteso come un terzo della propria vita ed è qui che bisogna decidere.
    Io ora sono un po’ demoralizzata di non lavorare, ma sono consapevole di vivere esperienze che lavorando avrei vissuto meno intensamente o non avrei colto.
    Nell’ arco della vita, fermarsi, a volte, significa anche crescere e cogliere….
    A presto…

  4. cinzia ha detto:

    Finalmente ti ho trovato….
    Cmq avevi omesso, dal racconto che mi avevi fatto, il dettaglio della telefonata…. Ti ricorda qualcosa? Che Patrizia non cambiera’ mai…
    Perfida era e rimarra’…
    Non so che consigliarti… E’ una persona radiattiva,fortemente schizofrenica (e lo sappiamo) che determina un’ atmosfera poco sana e per nulla affidabile intorno a lei.
    Il lavoro, inteso come retribuzione, è importante, ma a volte bisogna volgere lo sguardo al lavoro inteso come un terzo della propria vita ed è qui che bisogna decidere.
    Io ora sono un po’ demoralizzata di non lavorare, ma sono consapevole di vivere esperienze che lavorando avrei vissuto meno intensamente o non avrei colto.
    Nell’ arco della vita, fermarsi, a volte, significa anche crescere e cogliere….
    A presto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...