MA CHE SUCCEDE???

E’ abbastanza sconcertante la sequenza di violenze sessuali di cui donne di tutte le età sono rimaste vittime in diverse città italiane nelle ultime settimane. Non ricordo di aver mai sentito, nei miei primi 31 anni di vita, una simile escalation di stupri. E la cosa è indubbiamente preoccupante. Per una ragazza sta diventando pericoloso circolare per strada quasi in qualsiasi contesto, giorno o notte, da sola o accompagnata che sia. Posti che ci sono sempre sembrati tranquilli all’improvviso diventano lo scenario di atti vomitevoli. Un rapporto sessuale estorto con la forza e la violenza fisica è un trauma che segna per sempre la vita di una persona. Non puoi fare nulla o quasi per impedirla, perché spesso sei immobilizzata, a volte addirittura minacciata di morte. Eppure dopo ti senti in colpa, perché pensi che avresti potuto fare di più per opporti. Ti senti sporca dentro, ed è uno sporco che non lavi via con un bagno. E logicamente dopo hai il terrore di approcciarti ad un uomo, perché hai paura di rivivere l’esperienza subita.

Non so se ci sia un motivo particolare dietro all’incremento del numero di violenze sessuali verificatesi negli ultimi tempi. La legge, paradossalmente, sta quasi dalla parte del criminale: tutti invocano pene esemplari, ma in realtà nella maggior parte dei casi quasi subito questi si ritrovano agli arresti domiciliari, nulla in confronto a ciò che si meriterebbero. Io temo che, per alcuni casi, possa valere il principio della voglia di protagonismo, uno dei mali dei nostri giorni: l’apparire, il diventare famoso, anche solo per qualche tempo. Ricordo quando, una decina di anni fa o forse anche più, ci fu un periodo durante il quale erano molto frequenti i lanci di sassi dai cavalcavia. Purtroppo una donna ci rimise la vita, i responsabili in quel caso furono assicurati alla giustizia, ma dopo questo fatto increscioso gli episodi simili si moltiplicarono notevolmente, e molti dei ragazzi colti sul fatto, quando gli si chiedeva perché, rispondevano che così il telegiornale avrebbe parlato di loro, ed avrebbero potuto vantarsene con gli amici. Semplicemente vergognoso. Io non vorrei che anche in questa vicenda uno dei fattori fosse il desiderio di finire sui giornali ed in televisione.

In quanto alla pena che meriterebbero questi esseri immondi, secondo me la galera non basta. Si fanno qualche anno di carcere (magari anche solo qualche mese, grazie a quella fantastica legge sull’indulto), poi tornano fuori e sono liberi di violentare qualche altra ragazza. Inconcepibile. Ci vorrebbe, come per i pedofili (che però per me non meriterebbero neppure di vivere), la castrazione chimica. In questo modo la voglia gli passerebbe di certo. Purtroppo la mia opinione conta come quella del due di picche, almeno per coloro che stanno nelle stanze dei bottoni, ma fortunatamente in questo paese c’è ancora la libertà di espressione (almeno nella maggior parte dei casi), per cui se mi va di dire a queste bestie che spero si prendano le piattole nelle parti intime, posso dirglielo e basta!

Krimi

Annunci

Informazioni su krimi77

Sempre con la valigia in mano, la passione è ciò che mi fa sentire viva.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a MA CHE SUCCEDE???

  1. Saccottino ha detto:

    Cara Krimi, io penso si, che tu hai ragione, ma penso anche che come per Eluana, o altri fatti gravi di questi ultimi tempi, queste violenze vengano strumentalizzate all’inverosimile…continuo a leggere che il numero più altro delle violenze sessuali avvengono all’interno delle mura domestiche e la società non fa nulla per trasmettere solidarietà ed aiuto a loro. Solo che secondo me ora fa comodo invocare la sicurezza nelle città e demonizzare gli extracomunitari colpevoli di questi strupi quando invece non vengono denunciate le altre violenze sulle donne…

  2. Saccottino ha detto:

    Cara Krimi, io penso si, che tu hai ragione, ma penso anche che come per Eluana, o altri fatti gravi di questi ultimi tempi, queste violenze vengano strumentalizzate all’inverosimile…continuo a leggere che il numero più altro delle violenze sessuali avvengono all’interno delle mura domestiche e la società non fa nulla per trasmettere solidarietà ed aiuto a loro. Solo che secondo me ora fa comodo invocare la sicurezza nelle città e demonizzare gli extracomunitari colpevoli di questi strupi quando invece non vengono denunciate le altre violenze sulle donne…

  3. sorridente ha detto:

    Sai, a volte quando leggo queste notizie anche io vengo presa dall’irrazionale voglia di far pagare a questi elementi disturbati (che non definisco persone) occhio per occhio dente per dente. Perché la certezza della pena purtroppo non c’è. Io credo che le persone che ledono la dignità degli altri dovrebbero passare tutta la vita in galera, ai lavori forzati, però, non a dormire in una cella mantenuti dallo stato. E anche fare pubblicità trovo sbagliato, perché si rischiano episodi di emulazione. Forse certe notizie sarebbe meglio non darle, o almeno non così dettagliatamente, in modo che a nessuno venga mai in mente di trovare un attimo di celebrità in questo modo.

  4. sorridente ha detto:

    Sai, a volte quando leggo queste notizie anche io vengo presa dall’irrazionale voglia di far pagare a questi elementi disturbati (che non definisco persone) occhio per occhio dente per dente. Perché la certezza della pena purtroppo non c’è. Io credo che le persone che ledono la dignità degli altri dovrebbero passare tutta la vita in galera, ai lavori forzati, però, non a dormire in una cella mantenuti dallo stato. E anche fare pubblicità trovo sbagliato, perché si rischiano episodi di emulazione. Forse certe notizie sarebbe meglio non darle, o almeno non così dettagliatamente, in modo che a nessuno venga mai in mente di trovare un attimo di celebrità in questo modo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...