PROFONDO ROSSO

Il mondiale di formula 1 è iniziato ormai da tre gare. E la notizia è che la Ferrari si trova ancora a quota zero punti dopo i gran premi d’Australia, Malesia e Cina. Un esordio così disastroso io francamente non lo rammento nemmeno ai tempi della crisi più nera della scuderia di Maranello agli inizi degli anni ’90. I test invernali promettevano abbastanza bene, le prestazioni della vettura sembravano discrete, anche se un paio di preoccupazioni c’erano: una legata all’affidabilità e l’altra al Kers, questo sistema di recupero dell’energia cinetica che per quest’anno è facoltativo, ma la Ferrari ha cercato di abituarsi ad usare da subito. In Australia nessuna delle vetture ha ultimato la corsa. In Malesia, sotto un vero e proprio diluvio universale, la gara è stata interrotta quando Massa si trovava in nona posizione e Raikkonen, molto lontano dalla zona punti, stava per ritirarsi proprio per un corto circuito al Kers, dovuto probabilmente ad infiltrazioni d’acqua. Stamattina, in Cina, quasi lo stesso film: pioggia torrenziale, partenza dietro la safety car, Massa al ventesimo giro si ritira per problemi elettrici, Raikkonen non va oltre la decima posizione, dopo aver avuto anche lui parecchie noie. Ed avevano momentaneamente sospeso l’utilizzo del Kers nella speranza di migliorare qualcosa… Insomma, un disastro, non trovo parole migliori per rappresentarlo. In casi come questi la colpa è da spartire. I piloti fanno ciò che possono, ma Raikkonen già da due stagioni è l’ombra di se stesso, e Massa forse pecca ancora in parte di scarsa personalità nei momenti difficili. Ingegneri, progettisti, meccanici e compagnia si sono crogiolati un po’ troppo sugli allori, ed hanno commesso errori di presunzione davvero da principianti. Probabilmente hanno fatto troppo affidamento su una dichiarazione di illegalità del diffusore utilizzato, fra le altre, dalla Brawn Gp, scuderia nata dalle ceneri della Honda e rilevata da Ross Brawn, che in Benetton ed in Ferrari ha vinto innumerevoli titoli piloti e costruttori insieme al grandissimo Michael Schumacher. Questo diffusore permette alle scuderie che lo utilizzano di avere maggiore aderenza all’asfalto, e quindi di andare molto più forte, addirittura un secondo più veloci al giro. La Ferrari, insieme ad altri team, aveva sporto un reclamo presso la federazione affinché stabilisse una volta per tutte se questo sistema era consentito dal regolamento oppure no. La sentenza è di pochissimi giorni fa: tutto legale. Ed in Cina quasi tutte le scuderie avevano già pronto un sistema simile. Tutte tranne la Ferrari. Ma oltre al diffusore secondo me c’è dell’altro, ovvero il progetto di una macchina completamente sbagliata. Pazzesco, se si pensa che l’anno scorso interruppero piuttosto presto lo sviluppo della vettura 2008 per dedicarsi a quella di quest’anno. Oggi la gara è stata dominata dalle Red Bull del tedeschino terribile Sebastian Vettel (pupillo di Schumi e predestinato, secondo gli esperti, a vestire la tuta rossa un giorno non troppo lontano) e Mark Webber, con a seguire le Brawn Gp e le Mc Laren, che non brillano per risultati ma questa è davvero una magrissima consolazione. Le Red Bull non montano i diffusori tanto contestati, eppure vanno come treni. Perché? Perché Raikkonen e Massa si fanno superare persino da Glock, che ora sappiamo tutti che fine ha fatto? Perché solo la Force India va peggio di noi? Mi sembra evidente che qui c’è più di un problema. E mi pare altrettanto evidente che questa stagione è già definitvamente compromessa. Impossibile ambire ai due titoli in palio. Possiamo sperare, al massimo, di vincere qualche gara più avanti. Se non mi sbaglio il prossimo weekend si corre di nuovo, questa volta in Bahrein. Mi auguro che si raccolga almeno qualche punticino…

Krimi

Annunci

Informazioni su krimi77

Sempre con la valigia in mano, la passione è ciò che mi fa sentire viva.
Questa voce è stata pubblicata in Sport e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...