APPROFITTIAMONE

Approfitto della giornata di oggi per raccontare la mia settimana di vacanza di settembre, dato che ho un minimo di tempo libero. Prossimamente, se tutto andrà come deve andare, avrò un periodo molto impegnativo durante il quale non so quanto riuscirò a collegarmi ad internet, per cui meglio aggiornare il blog subito!

Le mie ferie, dicevamo. Ovviamente le ho trascorse a Roma, ormai è un’equazione vera e propria. Datemi tre giorni liberi consecutivi, e siete quasi sicuri di trovarmi lì. Arrivata il lunedì nel tardo pomeriggio, il martedì ho avuto la giornata più intensa e colma di soddisfazioni. Sono uscita presto, ho comprato il tiramisù per eccellenza della capitale, e mi sono recata presso gli studi romani di Radio Deejay. Dopo la bella chiacchierata con Cristiano la guardia (ormai un’istituzione per noi abituali visitatori) sono salita dal Trio Medusa & company. trio-1023.jpg Non li vedevo da due mesi, ovvero dalla Gaia Cena. E ci siamo fatti reciprocamente le feste. Ho avuto la fortuna di potermi fermare con loro abbastanza a lungo e di chiacchierarci insieme un bel po’. Ed in momenti come questi mi rendo conto, una volta di più, di essere una privilegiata, perché con loro ho un meraviglioso rapporto di amicizia che è una delle cose più belle che potevano succedermi nella vita.

Una volta fuori dalla radio, mi sono vista con la dolcissima Rosita, che il giorno prima ha festeggiato il compleanno e si è preoccupata di portarmi un pezzo della sua fantastica torta (raramente avevo mangiato qualcosa di più buono), mentre in serata ha avuto luogo l’ormai mitica Medusa Pizza del Medusa Club. Non eravamo in tanti: io, Barbara, Daniele, Valentina e Mirco. Ma è stata una bellissima serata. Siamo persone normali, semplici, che si divertono con poco. Sono convinta che rispetto a tanti della nostra generazione abbiamo una marcia in più. E probabilmente parte del merito è anche della nostra enorme passione comune per Giorgio, Gabriele e Furio.

Il mercoledì mi sono dedicata prima al lavoro, e poi allo shopping, se così vogliamo dire. Ho pranzato in un locale che, qualche mese fa, mi aveva contattato per un colloquio, per capire se fossero ancora interessati al mio profilo. L’idea di trasferirmi laggiù infatti, per quanto complessa, è tutt’altro che messa da parte. L’interesse, fortunatamente, c’è ancora, e questo mi ha decisamente rinfrancato. Uscita da lì ho incrociato per puro caso la coinquilina dell’amica che spesso mi ha gentilmente ospitato (stavolta invece ho dovuto alloggiare in un bed&breakfast), e ci siamo fatte due chiacchiere al volo. Dopodiché mi sono recata in centro, a caccia del mio obiettivo per queste vacanze: il cofanetto dei Beatles. Nonostante il prezzo piuttosto elevato ero decisissima a comprarlo. Peccato che non lo abbia trovato da nessuna parte, pur avendolo cercato almeno in tre o quattro posti differenti. Esaurito dovunque, una cosa assurda. In alternativa mi ero appuntata il titolo di un libro che mi è stato consigliato, ma non ho trovato nemmeno quello. Così mi sono consolata uscendo con la mia amica Alessandra.

Il giovedì mi sono vista a pranzo con un’altra amica, Serenella. Dopo aver mangiato, parlando di dove mi sarei recata nel pomeriggio, ho scoperto che la zona che volevo visitare è una di quelle che lei predilige, e si è offerta di accompagnarmici e di farmi un pochino da cicerone. Ovviamente le ho detto che mi avrebbe fatto molto piacere andarci con lei, e non abbiamo perso tempo. La zona in questione erano i dintorni di Piazza Navona, ricchi di viuzze strette ma stracolme di locali e negozietti caratteristici. Sembrava di essere a Trastevere. Quasi un’altro mondo!

In serata purtroppo, probabilmente a causa di qualcosa che ho mangiato e che non devo aver digerito, non mi sono sentita bene. Non sono riuscita a chiudere occhio tutta la notte. Ed il mattino dopo ho scoperto che la ragazza del b&b dove alloggiavo aveva sbagliato a prendere la mia prenotazione, e quindi da quel momento in poi non avevo più un letto per dormire. A quel punto, a malincuore, ho deciso di non complicarmi la vita cercando una sistemazione alternativa (per quanto Alessandra si fosse offerta di ospitarmi) e di andarmene con un giorno di anticipo. Fortunatamente il biglietto del ritorno ancora lo dovevo fare… In questo modo ho lasciato alcune cose in sospeso, che a livello teorico dovrei poter recuperare a novembre, quando avrò un’altra settimana di ferie. Bisogna però vedere se farò ancora lo stesso lavoro…

Krimi

Annunci

Informazioni su krimi77

Sempre con la valigia in mano, la passione è ciò che mi fa sentire viva.
Questa voce è stata pubblicata in Radio, Viaggi e vacanze e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...